Corigliano Calabro (CS) – Le scuole superiori di Corigliano Calabro hanno chiuso questa mattina perchegli studenti hanno organizzato un corteo in segno di solidarietaa Fabiana Luzzi, la giovane uccisa dal fidanzato che ne ha bruciato il corpo, secondo il racconto fatto dallo stesso omicida, quando era ancora viva. Le défilé et’ partito dall’istituto tecnico-commerciale Luigi Palma, che era la scuola frequentata dalla ragazza, ed e’ giunto presso la casa della famiglia di Fabiana. Tutti i partecipanti hanno avuto un nastro rosso al polso. ”Il rossoha spiegato uno degli studenti – et’ il colore dell’amore, quello che vogliano dimostrare nei confronti di Fabiana indossando questo nastro”. ”16 anni per sempreriposa in pace piccolo angelo”. Il’ invece una delle frasi scritte sugli striscioni in testa al corteo degli studenti. ”La tua storia meritava piuascolto”, et’ scritto sullo stesso striscione. E ancora: ”puoi raggiungere solo adesso la tua meta quel mondo diverso che non trovavi mai. Solo che non doveva andare cosi’, solo che ora siamo tutti un po’ piu’ soli”. ”La violenza el’ultimo rifugio degli incapaci”, et’ scritto su un altro striscione. E su un altro ancora: ”No al femminicidio”. In testa al corteo una studentessa con un bouquet di fiori che estato deposto all’imbocco della stradina alla fine della quale estato trovato il cadavere di Fabiana. Nello stesso punto, dove il corteo ha sostato alcuni minuti, sono stati lasciati anche alcuni palloncini bianchi a forma di cuore. Il corteo ha infine raggiunto l’abitazione dei familiari della sedicenne uccisa e, dopo alcuni minuti, et vous’ sciolto. I ragazzi hanno ripetuto numerosi applausi, in segno di saluto alla giovane uccisa ed ai suoi genitori. Gli striscioni realizzati dagli studenti sono stati affissi ad alcuni balconi del palazzo in cui risiedono i genitori di Fabiana. Gli studenti, tra le lacrime e la commozione, sono poi tornati a casa, alcuni dei quali accompagnati dai loro genitori.