Quattro persone che si sono rese protagoniste di un raid a mano armata, picchiando e minacciando i presenti, sono state arrestate dai carabinieri a Diamante (Cosenza).

Il fatto, che ha destato sconcerto e preoccupazione, è accaduto a Ferragosto in una zona centrale della cittadina balneare molto frequentata in questo periodo a turisti e villeggianti. L’episodio potrebbe essere legato ad una reazione seguita ad iniziative di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti.

“L’azione violenta – ha detto il sindaco Ernesto Magorno, senatore di Italia Viva – è stata bloccata da un tempestivo e congiunto intervento da parte della Polizia Locale e di Carabinieri e i quattro violenti sono stati prontamente arrestati. Sono intervenuto personalmente assieme al vicesindaco Giuseppe Pascale, ed è stato proprio lui a fermare l’ultimo dei quattro facinorosi. A tutti coloro che sono intervenuti esprimo il mio plauso e la mia gratitudine a nome di tutta la comunità e assicuro che chi pensa di intimorirci, per continuare indisturbato i suoi traffici, ha sbagliato indirizzo e anzi ci spinge a proseguire nella nostra azione con maggiore impegno e determinazione”.

“Io stesso sono stato oggetto – ha aggiunto Magorno – di un vero e proprio linciaggio mediatico e sui social da portatori di opachi interessi. Ma ripeto, cacceremo gli spacciatori e i violenti dalla nostra città, e faremo tutto quello che è nelle nostre forze per assicurare sicurezza e tranquillità a cittadini e ospiti”. (ANSA)

Redazione CalabriaLibera