Il Parco Naturale Regionale delle Serre, istituito con legge regionale n 48/1990, si estende su un territorio di 17.687 ettari.

Ne fa parte la zona umida di valore internazionale del Lago Angitola la cui estensione è di 875 ettari. Risorse naturali e ambientali e conservazione delle specie di flora e fauna selvatiche comprese in valori naturalistici, culturali storici e antropologici.

All’interno del Parco Naturale Regionale delle Serre si trovano Certosa di Serra San Bruno e del Santuario mariano di Santa Maria del Bosco.

I terrazzi marini circondano le Serre in diverse zone e a differente altezze, con l’aspetto di altipiani più o meno ampi, orlati da scarpate: particolarmente evidenti sono quelli dei comuni di Laureana di Borrello, Arena e Dasà.
Tra i monti si aprono depressioni vaste e poco profonde che ospitavano nel Quaternario veri e propri laghi: si tratta della piana della Lacina (nei pressi di Brognaturo) e delle piane (o conche) di Serra San Bruno, Chiaravalle, Mongiana e Fabrizia. Su tali depressioni si sono insediate le principali comunità umane delle Serre, in ragione della facilità di attraversamento e della disponibilità di acqua.

Le pendici ioniche delle Serre sono connotate dai “tagli” delle fiumare: si tratta di ampi alvei ghiaiosi, asciutti per gran parte dell’anno (fatta eccezione per il periodo autunnale delle piene) che si aprono a ventaglio in corrispondenza dei coni di deiezione, sul litorale.

Inoltre, il paesaggio delle Serre è caratterizzato da pendici e rilievi coperti da vaste estensioni di bosco che costituiscono alcuni tra i complessi forestali più importanti della Regione.

Scopri di più sul Parco delle Serre