Cosenza – Hanno scritto al Prefetto di Cosenza gli oltre 120 sindaci della provincia che questa mattina hanno protestato nella citta’ bruzia. Sospensione della Tares e rimoludazione del patto di stabilita’: e’ quanto chiedono i Primi cittadini del cosentino, che ora si sposteranno a Roma, davanti a Palazzo Montecitorio, per ribadire che in questi termini non e’ possibile amministrare i comuni. Di seguito la lettera dei sindaci al Prefetto.

I sottoscritti Sindaci  della Provincia di Cosenza, che hanno inteso intraprendere e sostenere questa  civile forma di protesta, espongono alla S.V. ill.ma quanto segue:

le regole sul Patto di stabilità  estese dal I gennaio 2013 anche hai piccoli comuni con popolazione compresa tra i 1000 e 5000 abitanti, impediscono alla quasi totalità dei comuni di poter procedere all’approvazione dei bilanci di previsione per il corrente anno.

Questi rigidi criteri di spesa che il governo centrale ha imposto alle autonomie locali unitamente all’introduzione della TARES, costringeranno  gli enti territoriali  ad aumentare in modo esponenziale la tassazione nei confronti dei propri cittadini oppure a dover eliminare alcuni servizi essenziali quali l’assistenza domiciliare, il trasporto scolastico, le mense scolastiche ecc.;  il tutto in una situazione di gravissima crisi economica che affligge tutte le famiglie italiane ed in particolare quelle calabresi che da sempre lottano contro una economia debole e precaria.

L’introduzione della TARES, in particolare, nel prevedere l’obbligo della copertura totale dei costi del relativo servizio, introduce tariffe che, per il meridione d’Italia, sono di gran lunga superiori al resto della nazione, penalizzando ancor più una regione come la Calabria nella quale persiste un’emergenza, causa o conseguenza del blocco delle discariche pubbliche, che ha determinato i conferimenti extra regionale della parte indifferenziata nonché  lo smaltimento della frazione organica nelle discariche private facendo lievitare notevolmente i costi.

Nella migliore delle ipotesi, la TARES comporterà il raddoppio del tributo a carico dei cittadini andando a colpire, in particolare, le fasce più deboli, ovvero le famiglie numerose già impegnate a fronteggiare i quotidiani problemi di sopravvivenza.

Evidente, dunque, che la già precaria situazione economica in uno con l’aumento dei tributi e delle tariffe nonché con la futura scomparsa di Equitalia provocheranno una smisurata crescita dei ruoli morosi, facendo  crollare le liquidità dei comuni.

Relativamente all’anno in corso, altresì, i cittadini riceveranno, oltre alla nuova imposizione TARES per l’anno 2013, anche i ruoli IMU ed i ruoli della TARSU relativa all’annualità 2012; infatti, a differenza della TARSU, la TARES  si paga anticipatamente.

L’esenzione delle regole del Patto di stabilità anche ai piccoli comuni, invece, creerà diverse problematica in quanto gli enti oltre a dover considerare  in uscita la media triennale 2007-2009 della spesa corrente ( impegni del Titolo I) pari al 13% per l’anno 2013 e del 15,8% dal 2014 al 2016, saranno completamente incessanti nel pagamento dei servizi e nella liquidazione delle fatture per i lavori completati mettendo così inginocchio l’intero tessuto economico-sociale del territori.

Al pari della TARES anche le rigide regole del Patto di stabilità non prevedono alcuna differenza tra enti virtuosi ed enti indebitati ponendoli  tutti sullo stesso piano e con bilanci che, nel corso degli ultimi dieci anni, sono stati costantemente oggetti di tagli e restrizioni, non ultima la spendigreview.

Inoltre, si segnala le limitazione dell’art. 16 – comma 11- del D.L. 95/2012 convertito nella legge n. 135/2012 che limita la possibilità di contrarre mutui nei valori massimi del 16% (per l’anno 2013) della quota interessi calcolata sui primi tre tritoli del rendiconto del penultimo anno precedente quello in cui viene prevista l’assunzione del mutuo.

Tale limitazione blocca di fatto la possibilità di nuovi investimenti di Enti locali  e quindi la realizzazione di quelle infrastrutture di cui nella nostra regione si sente grande bisogno.

Ma cosa ancora più grave è che tale limitazione non consente nemmeno di poter utilizzare i finanziamenti concessi  da altre Istituzioni e che  i nostri Enti  devono, anche in minima parte, cofinanziare, vedasi L.R. 23/2006 per interventi su edilizia scolastica, L.R. 36/08 per interventi su edilizia pubblica, L.R. 24/87 interventi vari di  OO.PP. .

Si ricorda, inoltre, che il tasso di indebitamento  è passato dal 12% del 2011 all’8% del 2012, al 6% per l’anno corrente per arrivare nei prossimi anni al 4%.

Gli enti si trovano, dunque, nell’impossibilità dio poter contrarre mutui anche in presenza di emergenze ambientali, sanitarie o di protezione civile.

Altre non trascurabili conseguenze di tutte le esposte problematiche economiche-finanziarie, frutto di scelte e decisioni scellerate da parte del Governo centrale, saranno  l’annullamento della possibilità per i comuni di poter integrare il salario ai lavori in mobilità, di poter promuovere il proprio territorio mediante l’organizzazione di fiere, mostre, spettacoli ed eventi culturali ecc. .

In una nazione in cui aumenta l’evasione e l’abbandono scolastico da parte delle fasce meno abbienti della popolazione, si costringono gli enti locali a tagliare perfino il sostegno per il diritto allo studio.

Con la presente si chiede pertanto alla S.V. un intervento presso gli organi preposti affinché venga illustrata la gravità della situazione emergenziale sia per i Sindaci che per i propri cittadini con il fine di ottenere l’apertura di una discussione nell’ambito della commissione di bilancio  del Parlamento italiano per il recepimento delle seguenti azioni:

1)      Abolizione /  non introduzione delle regole  del Patto di stabilità;

2)      proroga dell’Introduzione della TARES  per l’anno 2014con la previsione di tariffe proporzione alle percentuali di raccolta differenziate raggiunte dai comuni;

3)      innalzamento all’8% del tasso di indebitamento dei comuni escludente comunque dalla limitazione imposta dalla legge n. 135/2012 i mutui contratti per cofinanziare i finanziamenti concessi da altri Enti  e quelli per i quali altri Enti si impegnano a rimborsare le somme delle relative rate di mutuo, nonché i mutui da contrarre in presenza di emergenze ambientali, sanitarie o di protezione civile.

4)      Escludere dalle limitazione imposte dalla legge 122/10 le somme che gli Enti locali erogano ai lavori utilizzati ai sensi della legge 468/97.

 

Ove le  nostre democratiche dimostranze non dovessero trovare risposte concrete nelle sedi istituzionali competenti, i sottoscritti sindaci dichiarano sin da ora di essere pronti ad intraprendere forme di proteste che serviranno meglio a far comprendere la tragicità del momento.

Con osservanza.

I Sindaci della Provincia di Cosenza