Circa l’80% della produzione nazionale avviene in Calabria, precisamente nel comune di Rossano-Corigliano che può vantare un habitat ideale anche per il suo inimitabile gusto. Stiamo parlando della liquirizia, una delle tante prelibatezze della regione.

Questo prodotto naturale, utilizzato in Asia già 5000 anni fa, risulta essere il migliore grazie al clima e ai terreni calabresi, vero e proprio binomio perfetto per conferire quel sapore dolce-amaro piacevole in bocca. La pianta erbacea perenne, alta fino a un metro, appartenente alla famiglia delle Fabaceae, sin dal 1700 è famosa in Calabria, tanto da rappresentare un valore aggiunto per svariati motivi. Dall’antichità, infatti, dapprima la liquirizia veniva trasformata solo in bastoncini, ricavati dalle radici della pianta, per poi essere migliorata tanto da ricavarne anche il succo, molto buono e usato in cucina.

Fonte foto: erboristerialospeziale.it

La Liquirizia, oltre ad essere apprezzata per il gusto, è importante anche per le sue tante qualità benefiche. Infatti, risulta essere un rimedio naturale per combattere l’ulcera duodenale, digestione lenta, stitichezza, gastrite ed aerofagia. Inoltre, funge da protezione riguardo l’aggressione di alcuni farmaci. Secondo alcuni studi, poi, la liquirizia calabrese secca, ricca antiossidanti, consumata per un mese, è importante per la diminuzione di trigliceridi e transaminasi oltre che per la funzionalità epatica. Tuttavia, per chi soffre di ipertensione, è sconsigliato l’abuso di liquirizia, la quale funge da rimedio per la pressione bassa a causa della glicirrizina.

Ph – Instagram: @lacucinadimarge

Ma non solo benefici per l’apparato gastrointestinale. La Liquirizia, oltre ad essere un ottimo antibatterico, è un antidoto per l’alitosi, concilia il sonno e funge da afrodisiaco femminile per il suo profumo intenso. Vanta anche proprietà benefiche per curare il mal di gola, la tosse ed è un perfetto anticatarrale. In campo dermatologico, poi, viene utilizzata per la preparazione di creme, notevoli per curare la dermatosi e psioriasi.

In cucina, questo prodotto dal colore scuro è uno degli ingredienti principali di liquori, dolci, gelati, caramelle, creme e piatti salati.

Redazione CalabriaLibera