“I dati Arpacal relativi alle percentuali di raccolta differenziata in Calabria nel 2018 confermano la positività dell’azione voluta dall’amministrazione, guidata da Sergio Abramo, nel settore dei rifiuti.

Catanzaro, infatti, è ancora il Comune capoluogo di Provincia con la percentuale migliore, pari al 66,48%, con circa il 10% in più rispetto a Cosenza e oltre il 20% su Reggio Calabria.

Lo afferma l’assessore all’Ambiente del Comune di Catanzaro, Domenico Cavallaro.

     

“Al di là dei numeri, è l’interpretazione che se ne può legittimamente trarre a stabilire che il percorso intrapreso da Catanzaro, capoluogo di Regione in senso proprio, è quello più giusto: l’obiettivo, oltre a formare i comportamenti della cittadinanza sull’importanza di temi quali il riciclo e il riuso dei materiali –  la risposta dei catanzaresi è stata nella stragrande maggioranza dei casi più che soddisfacente – è quello di raggiungere la piena autosufficienza territoriale. Esigenza assoluta considerando il rischio, denunciato più volte dal sindaco Abramo, che scoppi una nuova emergenza che andrebbe a colpire anche i Comuni virtuosi come il nostro.

La strada già battuta da Catanzaro ha permesso a questa amministrazione di costituire e attivare, da capofila, il primo Ato della Calabria. Non ci siamo fermati qui, perché stiamo proseguendo a grandi passi verso l’appalto per la realizzazione dei lavori di potenziamento dell’impianto tecnologico di trattamento dei rifiuti di località Alli. Entrambe queste azioni, l’attivazione dell’Ato e il potenziamento dell’impianto di Alli, sono progressi concreti che si inseriscono nella più ampia e univoca strategia mirata a eliminare una volta per tutte i problemi della raccolta che, purtroppo, si ripropongono con drammatica ciclicità in tutta la Calabria e che non lasciano al riparo, perché deve essere garantita la solidarietà territoriale, nemmeno un’area come la provincia di Catanzaro che, altrimenti, di questi problemi non ne avrebbe.

Il report dell’Arpacal non è e non sarà l’unico documento ufficiale che testimonia il buon lavoro svolto dall’amministrazione Abramo nel settore rifiuti. Lo hanno già fatto, e ritengo lo faranno ancora, perché il lavoro non è ancora finito, il Conai e altre agenzie o associazioni indipendenti, con le quali val la pena sottolineare una volta di più la collaborazione produttiva, in atto ormai da anni, che rafforza la strategia, voluta e seguita passo dopo passo dal sindaco e dalla sua squadra, che guarda oltre la raccolta differenziata quotidiana o le azioni di contrasto al singolo cittadino incivile che conferisce abusivamente”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Fonte