Catanzaro – L’ala di proprietà della Regione dello storico Palazzo Fazzari, situato nel centro storico di Catanzaro, sarà concessa in comodato d’uso gratuito per dieci anni all’Amministrazione comunale del capoluogo. E’ quanto prevede l’intesa tra Regione e Comune di Catanzaro, che è stata presentata oggi dal sindaco Sergio Abramo, e dagli assessori regionali Giacomo Mancini e Domenico Tallini. L’immobile, costruito tra il 1870 e il 1874 su progetto dell’architetto fiorentino Federico Andreotti, rappresenta un esempio importante di architettura eclettica nel panorama catanzarese e calabrese ed è tutelato dalla Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici. La porzione dell’edificio oggetto dell’accordo si estende su una superficie di circa 500 metri quadrati e, attualmente, si trova in condizioni di degrado. ”Abbiamo intenzione – ha detto Abramo – di ristrutturare questo splendido appartamento attraverso un finanziamento da reperire nell’ambito della programmazione 2014-2020. L’idea è di inserire una struttura così importante nel più ampio progetto di riqualificazione e rivitalizzazione del centro storico della città”. Riguardo al futuro impiego dell’ala di Palazzo Fazzari concessa al Comune, Abramo ha chiarito che ”abbiamo bisogno di spazi culturali in cui ospitare esposizioni e mostre, al di là del complesso del San Giovanni, mentre una parte potrebbe essere utilizzata per uffici di rappresentanza”. ”L’intesa raggiunta – ha detto l’assessore regionale al Patrimonio Giacomo Mancini – è la dimostrazione del grande gioco di squadra che le due amministrazioni, quella regionale e comunale, hanno voluto mettere in campo per valorizzare questo splendido immobile e restituirlo al godimento di tutta la comunità e della città di Catanzaro. Abbiamo lavorato insieme, a partire dal sopralluogo che abbiamo fatto solo pochi mesi fa, e dato una risposta concreta ai tanti appelli che sono stati lanciati anche negli anni passati per salvaguardare questo appartamento che oggi non è in ottimo stato e deve essere recuperato”. Soddisfazione è stata espressa anche dall’assessore al Personale Domenico Tallini, che ha sottolineato ”la grande sinergia tra le due amministrazioni che hanno raggiunto un importante risultato, anche grazie all’impegno dei funzionari che hanno predisposto con rapidità i relativi atti”. ”Palazzo Fazzari – ha aggiunto – si trova in quel tratto di centro storico per cui l’amministrazione Abramo ha in mente non solo un restyling di tipo urbanistico ma anche un progetto di rilancio delle attività commerciali. Ringrazio l’assessore Mancini che già in passato, con Traversa sindaco, aveva concesso al Comune di Catanzaro l’Area Magna Grecia. Un’opportunità che ora si rafforza con la collocazione in quell’area dell’Ente Fiera per cui è disponibile un finanziamento di 5 milioni di euro”. Alla conferenza stampa hanno partecipato anche il vicesindaco di Catanzaro e assessore alla Cultura, Sinibaldo Esposito, e il consigliere comunale Carlo Nisticò. ”Catanzaro – ha detto Esposito – deve essere sempre più città della cultura intesa come volano di sviluppo economico. Per il recupero di Palazzo Fazzari sarà necessario un progetto da concordare passo passo con la Soprintendenza, con cui c’è un’ottima interlocuzione e che già ci ha dato delle prescrizioni che siamo pronti a seguire”. Nisticò, infine, ha ricordato ”la necessità di individuare un progettista o un pool di progettisti per affrontare le tematiche del recupero di questo immobile che potrà essere non solo luogo di osservazione ma anche officina di cultura”.