Il consigliere comunale Fabio Talarico (Catanzaro con Abramo) ha replicato a Gianmichele Bosco sulla questione ‘PalaGreco’. “Non c’era bisogno che il consigliere d’opposizione Gianmichele Bosco tentasse di riportare sotto i riflettori la situazione del palazzetto dello sport Antonio Greco, in via Paglia. E non ce n’era bisogno perché, al contrario di quanto sostiene il consigliere comunista, la situazione della struttura è stata messa al centro dell’agenda politica-amministrativa dal sindaco Sergio Abramo e dall’assessore allo Sport Domenico Cavallaro. Il quale, vale la pena ricordare, ha dato un chiaro mandato al settore Patrimonio per uscire da questa impasse che altro non è se non una penalizzazione, gravissima, per tante società sportive dilettantistiche che operano nella zona centro-nord del capoluogo.

Bene ha fatto Bosco a ricordare i lavori di manutenzione e riqualificazione eseguiti dall’amministrazione Abramo al PalaGreco, e bene ha fatto anche a ricordare le due gare per l’affidamento della gestione dell’impianto che sono andate deserte, una a tutti gli effetti, l’altra saltata per problemi burocratici. Ma stia tranquillo: l’amministrazione sta lavorando per superare anche questa. Un’altra cosa vale la pena ribadire a Bosco: se lui pensa di saperne di più sui fondi comunitari rispetto al sindaco Abramo, io potrei tranquillamente spiegare a Cristiano Ronaldo come fare gol. Possibilità, nell’uno e nell’altro caso, che non stanno né in cielo né in terra. Quindi Bosco continui a fare il consigliere d’opposizione, io farò quello di maggioranza, il sindaco si occuperà di fondi, comunitari e non, mentre Cristiano Ronaldo proseguirà a segnare in ogni partita o quasi”.

     

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Fonte