Ph: Instagram - @acv12

Come in un paradiso, questa volta terrestre. Un luogo amato dagli escursionisti che ogni anno, soprattutto nel periodo estivo, viene preso d’assalto non solo per la sua bellezza. Le meravigliose Cascate Mundu e Galasia, ubicate nel Comune di Molochio all’interno del Parco Nazionale d’Aspromonte, rappresentano un altro valore aggiunto per la Calabria.

Chi le visita può vedere uno spettacolo naturalistico mozzafiato. Le cascate si trovano tra il verde e la vegetazione, caratterizzata dalla presenza di muschi Licheni e Woodwardia radicans. Si tratta di una specie di felci enormi risalenti al periodo preistorico, ovvero a a circa 60 milioni di anni fa. Il nome di queste cascate deriva da Mundu, dal grecanico “nudo”, e Galasia, che significa burrone.

Ph: Instagram – @vincenzo_calcaterra

Un posto fantastico, somigliante a un giardino naturale “dipinto” anche grazie alla presenza di una vasca di acqua limpida nella quale ci si può tuffare, soprattutto quando le temperature sono alte. Presente anche una storica mulattiera e i manufatti di un tempo, utili per la sua costruzione e conservazione.

Per gli amanti di alberi, piante e uccelli, nelle Cascate Mundu e Galasia possono essere ammirati anche diversi tipi di specie come erica, faggio, ginestra, leccio e liane. Tutte importanti per dare un tocco di colore e di profumi a questo bellissimo posto.
Il tratto che porta alla Cascata Mundu, una sorta di salto nell’acqua di circa 40 metri, è delimitata dall’omonimo vallone e da un corso d’acqua dove si può notare la pratica agricola di un tempo e panorami da stropicciarsi gli occhi.

Ph: Instagram – @cicciofurci

Proseguendo per il sentiero, successivamente, i visitatori si troveranno di fronte la Cascata Galasia Piccola che, con i suoi laghetti e massi enormi, precede la vera e propria Cascata della Galasia. Una cascata bella da vedere già a primo impatto, la quale assomiglia a un verso da sposa, valorizzato da pareti rocciose e un piccolo laghetto. Un luogo celestiale che merita di essere visitato.

Redazione CalabriaLibera