Un plauso agli uomini della Polizia di Stato che hanno arrestato a Roma Pantaleone Mancuso, alias “l’ingegnere”, ritenuto il boss dell’omonima cosca di Limbadi, è stato rivolto dal segretario della Commissione parlamentare antimafia on. Wanda Ferro (Fdi).

“L’arresto di Pantaleone Mancuso, che si era reso irreperibile dopo la decisione del figlio Emanuele di collaborare con la Dda di Catanzaro, rappresenta un duro colpo inferto ad una delle più potenti cosche di ‘ndrangheta, che ha ramificazioni e interessi in tutto il mondo. I calabresi devono ritrovare fiducia nell’azione dello Stato, perché da parte della magistratura, delle forze dell’ordine, ma anche da parte di quella buona politica capace di mettere in campo strumenti operativi e normativi, c’è la determinata volontà di contrastare con ogni mezzo le attività criminali delle cosche e restituire ai territori la libertà e le opportunità di sviluppo per troppo tempo soffocate. Non è un compito semplice, ma se ciascuno farà la propria parte, scegliendo nel proprio quotidiano la strada delle regole, la sfida potrà essere vinta”.

redazione Calabria 7

Fonte