Cosenza – L’Azienda ospedaliera di Cosenza si e’ dotata di una seconda apparecchiatura di risonanza magnetica e di un nuovo angiografo che saranno installati nei locali dell’unita’ operativa di radiologia. L’apparecchiatura per la risonanza magnetica, e’ scritto in un comunicato diffuso dall’Azienda, ”e’ dotata di sistema innovativo, adatto per qualsiasi esigenza diagnostica clinica avanzata, sia in campo neurologico, sia per applicazioni body, angiografiche, cardiache e per studi ortopedici ad altissima soluzione. E’ provvista di numerosi software di ultimissima generazione e, unica apparecchiatura di struttura pubblica in Calabria, consente studi funzionali dell’encefalo, di grande interesse nelle patologie neoplastiche e degenerative. La macchina assicura un comfort ottimale per i pazienti, eliminando del tutto i problemi di claustrofobia”. L’angiografo, modello Innova 4100 della Ge, prosegue la nota, ”di ultima generazione, effettua ricostruzioni tridimensionali e acquisizioni Tc, e’ una apparecchiatura indispensabile per studi angiografici e per le procedure interventistiche correlate. Esegue, infatti, interventi di routine e di emergenza per la chirurgia vascolare, le chirurgie, le medicine, il pronto soccorso e l’oncologia. Circa un mese fa, dopo aver approntato i locali, effettuando i necessari lavori preparatori, l’angiografo e’ stato montato, collaudato, verificato, tarato. Da adesso l’intensa attivita’ di un team all’avanguardia, (l’Uosd di radiologia interventistica e’ centro di riferimento nazionale, e il responsabile, dottor Guido e’ referente nazionale e internazionale per la Calabria della sezione di Radiologia Interventistica della Sirm) e’ al servizio dei cittadini calabresi”. Entrambe le apparecchiature sono state acquisite con i fondi ex art. 20 legge n. 67/88 e saranno inaugurate nel corso di una cerimonia in programma sabato prossimo alla quale parteciperanno il direttore generale dell’Azienda ospedaliera, Paolo Gangemi, il presidente della Regione Giuseppe Scopelliti, e autorita’ civili e religiose. Durante la cerimonia, conclude la nota, verra’ intitolata la sala dell’angiografia alla memoria del dottor Samuele Guido, gia’ direttore della Uoc di radiologia dell’Azienda, scomparso il 6 gennaio 2012, ”illustre medico che e’ sempre stato da stimolo nel responsabilizzare ognuno a prendersi cura dei sofferenti, dei malati e di chiunque avesse avuto bisogno di aiuto”.