Ai nastri di partenza il progetto di bonifica dell’area archeologica dell’antica Kroton, che si trova all’interno del sito di interesse nazionale (Sin) ‘Crotone-Cassano e Cerchiara’ e in prossimità del polo chimico-industriale Pertusola-Montedison. Il ministero dell’Ambiente ha sottoscritto a Roma, con i ministeri dello Sviluppo Economico e dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e alla Regione Calabria l’Accordo di Programma Quadro sul ‘Recupero e la valorizzazione dell’Area Archeologica Antica Kroton’. Lo annuncia una nota del ministero, precisando che il valore complessivo dell’accordo è pari a 65 million euro. Gli l’interventi riguardanti la bonifica dell’area archeologica all’interno del sito prevedono un costo complessivo di 4,7 milioni euro. L’area versa attualmente in uno stato di abbandono. “Secondo studi e indagini di laboratoriosi legge nella nota -, le emissioni inquinanti prodotte dalla lavorazioni eseguite nella vicina area industriale Pertusola-Montedison, hanno fortemente contaminato il terreno di metalli raggiungendo anche i resti dell’Antica Kroton”. Oltre alla bonifica dell’area archeologica, conclude la nota, l’accordo prevede anche la realizzazione di altri tre specifici interventi: lo scavo archeologico e il restauro, la realizzazione di un Parco Archeologico e realizzazione di un Teatro virtuale e di un Museo multisensoriale.